Per te » Sostegno alle famiglie » Assegno di maternità 2013 : dallo Stato e dai Comuni ecco gli importi

Assegno di maternità 2013 : dallo Stato e dai Comuni ecco gli importi

Per il 2013 le donne lavoratrici precarie e discontinue che diventano mamme nel corso di quest’anno, è previsto, a determinate condizioni, un assegno di 2059,43 euro a carico dello Stato.

Questo assegno viene assegnato anche nei casi di adozione e affidamento.

E’ necessario essere cittadine italiane o comunitarie oppure cittadine extracomunitarie con il permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo (ex permesso di soggiorno).

E’ necessario essere in possesso della residenza al momento della nascita del bambino.

Vediamo  in dettaglio chi può richiedere  l’assegno statale:

  • le mamme che hanno almeno 3 mesi di contributi  nel periodo compreso tra i 9 e i 18 mesi antecedenti la nascita del bambino
  • le mamme che hanno lavorato almeno 3 mesi e abbiano usufruito di una prestazione dell’Inps come l’indennità di disoccupazione o malattia ad esempio. E’ necessario però che tra la data del parto e  quella del termine della prestazione usufruita  non sia trascorso un periodo superiore alla durata della prestazione stessa (e comunque non superiore ai 9 mesi).

Può essere richiesto anche dai papà in casi particolari.

L’assegno di maternità dei comuni:

Per le mamme che non usufruiscono della “maternità” intesa come trattamento economico, si può richiedere al comune per ogni figlio nato , un assegno che per il 2013 ammonta a 334,53 euro mensili per 5 mesi  (quindi in totale 1672,65 euro).

Tale quota viene assegnata solo  se il nucleo famigliare non supera il valore Ise prefissato. Per una famiglia di 3 persone  ammonta a 34873,24 euro.

La domanda va presentata presso il proprio comune di residenza entro i 6 mesi dalla nascita del bambino.

Aiuto per famiglie numerose:

Per i nuclei con almeno 3 figli minori  il valore  Ise da non superare per il 2013 è di 25108,71 euro. Per i nuclei famigliari superiori a 5 tale parametro va ricalcolato.

L’importo mensile previsto per il 2013 è di 139,49 euro mensili.  L’assegno non è fiscalmente imponibile ed è cumulabile.

Per tutti i dettagli consiglio di visitare il sito dell’inps  dedicato al seguente link: https://www.inps.it/nuovoportaleinps/paginaErrore.aspx?url=www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=5805

Fonte importi: rubrica previdenza e assistenza di Famiglia Cristiana.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Hai un dubbio da chiarire (anche in forma anomina) o una esperienza da raccontare? Vieni a parlare con noi, ti stiamo aspettiamo!💬 Vai al forum