Una giornata fuori porta con i gemelli: bagagli per quindici giorni…

Con i nostri gemellini Giulia e Davide ci siamo avventurati in giornate fuori porta a partire dai due mesi e, contro ogni aspettativa, ci siamo resi conto di come sia più semplice spostarsi quando i bimbi sono due fagottini inermi nelle loro cullette, rispetto ai mesi successivi, quando cominciano a far capire chiaramente le loro esigenze al di là della fame e del sonno.

Nel nostro caso, due sguardi curiosi che mal sopportano le lunghe passeggiate in passeggino, sono diventati talvolta difficili da gestire, implicando pause frequenti, giochi e il doversi inventare mille diversivi…

19529143_m

Così se alle prime uscite bastava un borsone capiente con biberon, latte, cambi e pannolini, ci siamo ritrovati a partire dai loro 6 mesi a muoverci con l’auto carica di bagagli come se dovessimo partire ogni volta per una vacanza… pappe, latte, merendine, scorte di di acqua, tutine di ricambio, giubbettini, cappellini, copertine, asciugamanini, bavaglini, giochi, pannolini, salviettine ecc.. ecc.. senza contare l’ingombro delle sedute del passeggino, ormai necessarie oltre gli ovetti usati durante il viaggio vero e proprio.

Vuoi ricevere interessanti suggerimenti sulla cura del tuo bambino?
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Io e mio marito ci siamo resi conto come quel luogo comune sull’acquisto di un’auto più grande all’arrivo dei figli, non sia poi così solo finzione pubblicitaria.

In base alla nostra esperienza, consigliamo di stilare una lista dello stretto necessario, da riprendere e ampliare ad ogni viaggio, man mano che i bimbi crescono e a seconda del tipo e della durata della vacanza.

Il nostro suggerimento nel preparare l’occorrente è di schematizzare la giornata tipo individuandone le macro-fasi e l’occorrente per ciascuna fase.

Eccone un esempio:

CAMBI: tutine o completini a seconda dell’età dei bimbi (per i più piccoli meglio tutine spezzate in modo da poterne utilizzare solo maglia o solo pantaloncini in caso di rigurgito o di iper-pipì, e, nel caso di gemelli di sesso diverso, meglio modelli unisex in modo da usare tutto per entrambi), body, magliettine, pigiamini (anche qui vale la regola dell’unisex), cappellini (estivi o invernali a seconda del caso), bavaglini (da pasto e da passeggio quando i rigurgiti o i litri di saliva per i dentini in arrivo rischiano di inzuppare tutto il davanti delle tutine), calzettini, scarpette per i più grandi, pannolini (da considerare anche quelli impermeabili se la meta è il mare) e salviettine;

PAPPE: tutto l’occorrente per preparare e scaldare biberon di latte artificiale se i bimbi sono allattati artificialmente, tiralatte in caso di allattamento con latte materno; tutto l’occorrente per preparare le pappe quando i bimbi sono svezzati (alimenti ma anche utensili come piattino in plastica, bicchierino salvagoccia, cucchiaino, pentolino,…), seggiolini pappa da viaggio o alzasedie;

NANNE: se si tratta di uscite giornaliere, cullette o passeggini con sedute reclinabili sono sufficienti, diversamente se i bimbi non sono più così piccoli da culla e se si passa fuori casa anche la notte, sarà necessario portarsi lettini da viaggio o sbarre di protezione da fissare sui letti della struttura ospitante;

BAGNETTI: asciugamanini, shampoo e crema (da considerare anche quella solare se il periodo o la meta lo richiedono), vasino o riduttore wc per i più grandicelli e per uscite di più giorni;

SPOSTAMENTI: carrozzina gemellare per i primi mesi o passeggino gemellare con sedute reclinabili successivamente, con accessori previsti (telo antipioggia, cappottine, sacchi, fasciatoio portatile), marsupi o fasce per chi ne fa uso o zaini quando i bimbi sono più grandi, copertine di lana o pile in caso di freddo, lenzuoline in caso di caldo-ventilato;

PASSATEMPI: ciucci e mollette di corredo, giochi di stoffa, giochi musicali, giochi interattivi o di apprendimento portatili per i più grandi

KIT SANITARIO: termometro, garzette, disinfettante, libretti sanitari, medicinali di utilizzo comune o specifici per patologie conosciute dei bimbi (opportuno chiedere sempre consiglio al pediatra).

Per vacanze un po’ più complesse, si trovano spunti interessanti per fasce di età anche sul sito www.ilmondodeigemelli.com

Ultimo suggerimento: è utile organizzare borse distinte dividendo la parte alimentare da quella dei giochi e da quella dell’abbigliamento, tenendo a portata di mano tutto ciò che potrebbe servire rapidamente, in modo da arginare ogni eventuale emergenza, dalla fame alla noia improvvisa. In particolare, durante il viaggio, può risultare comodo avere con sé una borsa con poche cose essenziali, una sorta di kit d’emergenza (due pannolini, due biberon, acqua, merendine).

Detto questo, non fermatevi, fatevi forza e partite!

Mamma Paola

Per leggere altre avventure di mamma Paola clicca qui

Vuoi ricevere interessanti suggerimenti sulla cura del tuo bambino?
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!