Terme di Comano: una settimana di cura e vacanza per il bambino

Sponsorizzato

Abbiamo avuto la possibilità di inviare una mamma, selezionata tra le lettrici di Periodofertile.it, alle Terme di Comano in Trentino per effettuare una serie di cure per la dermatite atopica di cui soffre il suo bambino.

Ecco com’è andata:

Con Paolo di 4 anni siamo stati una settimana ospiti delle Terme di Comano e del Comano Cattoni Holiday.

Pensavo di conoscere bene il problema della Dermatite Atopica perché il mio piccolo ne soffre da quando ha un anno, ed invece ho scoperto tanti aspetti di questa patologia che non conoscevo o sottovalutavo.

Le Terme di Comano si trovano tra il lago di Garda e le Dolomiti di Brenta, a pochi chilometri dall’abitato di Ponte Arche.

All’arrivo nella camera a noi riservata del Comano Cattoni Holiday abbiamo trovato un kit di benvenuto con cappellini e una maglietta in cotone organico al 100% ideale per bambini con problematiche della pelle e una cartellina con brochure che ci hanno informato di tutte le attività della zona.

Le cure termali

La settimana di cure è iniziata il lunedì con l’incontro con il dottor Ermanno Baldo, direttore del nuovo settore pediatrico delle Terme di Comano.

Dopo una visita molto accurata in cui il bambino si è sentito subito a proprio agio, il dott. Baldo non solo ha confermato la diagnosi di Dermatite Atopica, ma ha individuato subito anche alcune problematiche di respiro.

Visto lo stato della dermatite di Paolo, gli sono stati prescritti  12 bagni termali di 10 minuti.

Il bagno

Il bagno avviene con l’assistenza di gentilissime bagnine. Si chiamano così le signore che accolgono i bambini e gli adulti durante la terapia, si occupano di pulire e sterilizzare ogni stanzino dotato di vasca, di preparare l’acqua e insegnare ai genitori come fare la cura termale.

Le vasche per i bambini sono al quarto piano del centro termale. Fino a poco tempo fa sullo stesso piano erano presenti vasche sia per adulti che per bambini. Da quest’anno il piano è interamente dedicato ai bambini e comprende anche un ambulatorio di allergologia e broncopneumologia pediatrica.

Dopo aver fatto il bagno della durata massima di 20 minuti, gestiti con un timer che viene fatto partire dalle bagnine al momento dell’immersione, si devono avvolgere i bambini nei teli di cotone presenti nello stanzino. I teli vengono dati gratuitamente dalle terme e sono fatti in fibra naturale, per non irritare la pelle dei bambini.

È importante non asciugare completamente il bambino ma solo tamponarlo delicatamente ed entro tre minuti applicare la crema emolliente. Per applicare la crema i bambini entrano nei nuovi box che sono stati allestiti all’esterno dei bagni termali. Alcuni box sono dedicati ai maschietti, altri alle femmine. I bambini piccoli, invece, usano i fasciatoi presenti nello stanzino da bagno.

Solo da quest’anno alle terme i bambini fanno il bagno e subito dopo applicano la crema, fatta con l’acqua di Comano. Il motivo risiede nel fatto che la pelle subito dopo il bagno ha i pori dilatati e la crema fa da barriera penetrando bene nella pelle e mantenendo l’idratazione.

Non bisogna preoccuparsi se i bagni termali scatenano temporaneamente la dermatite. E’ la reazione termale e significa semplicemente che la terapia sta facendo il suo dovere.

Le vasche sono sempre pulitissime e c’è la possibilità di avere giochi in gomma per intrattenere i bambini durante il bagno: Paolo non vedeva l’ora di fare il bagno tutti i giorni per poter giocare con le barchette.

Se soggiornate alle Terme di Comano con altri figli che non necessitano di cure, presso lo stabilimento termale potete usufruire gratuitamente di due mini club:

  • Giocainsieme: per bambini fino a 5 anni, con educatrici specializzate aperto tutta la stagione, da aprile a inizio novembre
  • La Vasca: per bambini da 6 a 11 anni, con lo staff di animatori e aperto da inizio giugno a metà settembre.

Stefano, mio figlio più grande, che solitamente è un po’ restio alle animazioni , si è divertito parecchio, soprattutto quando ha incontrato e conosciuto Gino, lo scoiattolo amico di ogni bambino, che è la mascotte delle Terme di Comano.

 

Alle Terme di Comano c’è anche la possibilità di fare la cura Idropinica, ovvero bere l’acqua termale. Questa terapia aiuta a reintegrare i sali persi durante i bagni termali e permette di eliminare le scorie.

Alla fine delle cure viene consegnata una lettera di dimissione per pediatra del bambino e vengono date le indicazioni necessarie per proseguire a casa con la terapia.

Con i bagni termali i bambini con la dermatite migliorano molto. Si nota subito che l’arrossamento diminuisce e i bambini hanno meno prurito. Un ciclo di bagni termali alle Terme di Comano permettono di tenere a bada la malattia per un lungo periodo. I bagni termali, poi, sono convenzionati con il Servizio Sanitario, venendo con la sola ricetta del proprio pediatra.

Per questo tantissime famiglia tornano anno dopo anno a fare le vacanze a Comano abbinando le cure delle Terme.

La scuola dell’Atopia

Durante ogni soggiorno è possibile partecipare alla Scuola dell’Atopia gestita dal dottor Ermanno Baldo, con la collaborazione delle dott.ssa Laura Franceschini che è una psicologa. Si tratta di un incontro informativo gratuito aperto alle famiglie e ai pazienti dove viene spiegato nel dettaglio la Dermatite Atopica, come affrontarla, gestirla e come continuare le terapia una volta a casa.

La Dermatite Atopica è caratterizzata da secchezza e prurito, per questo è importantissima l’idratazione. La secchezza e l’infiammazione della pelle, sintomi tipici della Dermatite Atopica, danno una maggiore possibilità agli allergeni di entrare nella pelle e questo scatena allergie. Per tale motivo è importante una cura tempestiva.

Viene spiegato chiaramente la funzione delle cure termali, i loro benefici e come vanno fatte. Per i bambini è importante, per esempio, stare alle terme almeno 10 giorni. Nessuna cura può fare miracoli, ma quella termale ha il vantaggio di dare risultati che durano nel tempo, senza avere contro indicazioni.

Ho avuto modo di conoscere e confrontarmi con famiglie che vengono qui a Comano da anni ed hanno tratto evidente giovamento da questa cura. Molte famiglie arrivano anche da lontano, dalle regioni del Sud Italia. Ci tornano con grande entusiasmo perché i loro bambini hanno davvero avuto grandi benefici dall’acqua delle Terme di Comano.

Cosa fare a Comano

Le cure termali durano al massimo un’oretta al giorno e poi si ha tutto il tempo per visitare la Valle con i bambini. La valle dove si trovano le Terme di Comano è stata addirittura classificata come Distretto Famiglia, perché ha attenzioni speciali per i bambini e le famiglie, con tante proposte e attività su misura.

Di attività da fare ce ne sono davvero tante anche per chi non ha un’auto a disposizione.

Le Terme sono circondate da un parco molto grande, dove ci sono due grandi aree gioco dedicate sia ai bambini piccoli che a quelli più grandi. C’è persino una parete in legno dove i bambini possono arrampicare.

Chi viene alle Terme di Comano riceve una speciale card risparmio, la Trentino Guest Card Comano ValleSalus che da diritto ad un sacco di cose. Con la card puoi visitare gratis castelli e musei di tutto il Trentino, ma anche andare sul trenino che gira nel parco o fare un’escursione, sempre in trenino, alla scoperta delle fattorie della valle.

Durante la settimana siamo stati da Onorio, il panettiere di Rango dove i bambini sono diventati dei piccoli pasticceri realizzando ,con il suo aiuto, delle ottime tortine di noci. A Rango siamo arrivati con il trenino guidato da Fausto, che fa divertire da matti tutti i bambini con le sue battute e storielle. Rango è uno dei borghi più belli d’Italia molto famoso anche per i meravigliosi Mercatini di Natale.

Il giovedì sera il trenino ci ha portato in una passeggiata notturna a Stenico, dove c’è un antico Castello ma anche la bellissima cascata del Rio Bianco. Si chiama così perché l’acqua scende fortissima e diventa una cascata bianca bianca.

Qui, muniti di torce, abbiamo percorso il bosco ed ascoltato storie mitiche e leggende di fanciulle e cavalieri. Ci siamo immersi nei profumi delle piante aromatiche che crescono sulla montagna, e per finire siamo stati accolti da un’ottima merenda notturna preparata dalle streghe buone.
L’ultimo giorno abbiamo visitato la Fattoria didattica Agrilife in Val Lomasone. La fattoria è gestita da Moira Donati, una ragazza che ha lasciato il suo impiego sicuro in ufficio per realizzare il suo sogno: gestire un’azienda agricola con allevamento di asini. Qui i bambini hanno potuto fare un giretto in groppa agli asinelli, ricevendo al termine la “patente asinina”, ma anche percorrere un divertente percorso sensoriale. Alla fine ci siamo tuffati in una saporita merenda, fatta con le tante confetture che Moira realizza utilizzando i frutti della sua campagna.

Comano Cattoni Holiday

Il nostro soggiorno è stato veramente piacevole allietato dalla famiglia Cattoni, che ci ha ospitati al Comano Cattoni Holiday, un hotel 4 stelle a soli 600 metri dalle Terme.

La gestione egregia arriva da una esperienza lunga ben quattro generazioni.

La conduzione famigliare permette di tenere elevati gli standard di accoglienza. Il signor Giancarlo si occupa personalmente di controllare che ogni cosa sia al suo post e fa sentire tutti, compresi i più piccoli, a proprio agio.

Le camere sono spaziose e confortevoli, pulitissime e con lenzuola in cotone al cento per cento, proprio per non dare problemi agli ospiti con dermatite o psoriasi.

Anche i docciaschiuma e il sapone presenti nei bagni sono formulati per chi ha la pelle delicata.

L’hotel, infatti, fa parte delle strutture Qualità Parco, un marchio di qualità rilasciato dal Parco Naturale Adamello Brenta a quegli hotel ove risparmio energetico, raccolta differenziata, riduzione delle immissioni inquinanti e uso dei prodotti locali sono azioni concrete.

Ricchissima la scelta del menu non solo ai pasti principali ma anche a colazione. Tutto può essere realizzato anche per i celiaci (cucina senza glutine, certificata AIC) , e tutti i giorni è presente un piatto “amico della pelle”.

Sono a disposizione i baby menu e la pappe per i più piccini.

Il centro benessere offre tante opportunità di relax: una grande piscina con una zona per i bambini, l’idromassaggio, la palestra, la sauna il bagno turco. Non mancano ovviamente i trattamenti estetici, massaggi compresi.

l Baby Club si chiama “La bottega della fantasia” intrattiene bambini dai 3 agli 11 anni, il wi-fi è gratuito e se siete sportivi potete usufruire delle biciclette presenti fuori dall’hotel, molte delle quali con seggiolino. Se non volete fare troppa fatica trovate anche le e-bike, le bici a pedalata assistita ideali per chi non è molto allenato. Per qualsiasi cosa potete chiedere ad Alessandro, che è anche una guida e accompagna gli ospiti dell’hotel alla scoperta della Valle. Lui sa tutti su percorso per bici, per mountain bike ma anche da fare a piedi, con i bambini.

L’hotel offre un ricco programma di attività ed escursioni settimanali alla scoperta della Valle. Giorgia e Alessandro sono le due guide speciali con le quali il divertimento è assicurato.

Abbinando le vacanze alle cure termali, i bambini vengono curati senza che questo diventi un peso né per loro né per la famiglia. La cura alla fine diventa un bellissimo gioco, a cui unire il piacere di una bella vacanza immersi nella natura, in una valle piena di cose da scoprire e da vivere.

Ringrazio le Terme di Comano per avermi dato la possibilità di approfondire la conoscenza della dermatite atopica, per avere alleviato in modo evidente i sintomi di Paolo, per avermi spiegato come gestirla una volta a casa e non andare in panico quando compare.

Ringrazio la famiglia Cattoni per l’ospitalità impeccabile e ovviamente periodofertile.it per avermi permesso di vivere questa esperienza con i miei bambini.