“Primi Passi” e “Primi Dentini” Mellin accompagnano i piccoli nella crescita

Sponsorizzato

Una calda mattinata di giugno, un gruppo di mamme blogger, un pediatra e una psicologa messi a disposizione da Mellin e un tema che ci sta molto a cuore: le tappe di crescita dei nostri bambini, le loro prime volte, i traguardi.

Prime volte immaginate un milione di volte, desiderate, sognate, irripetibili e spesso impreviste, che arrivano in un giorno qualunque, sparigliano le carte e ti tolgono il fiato dall’emozione come pochi momenti nella vita: i primi passi, la prima pappa, il primo dentino.

E insieme a ogni traguardo, la mamma si prepara a nuove sfide con un solo obiettivo, quello di essere ogni giorno la migliore versione di sé.

L’incontro ha preso le mosse proprio da qui: accompagnare i piccoli, sostenerli e facilitarli nelle loro tappe di crescita.

Il tema è stato affrontato con un approccio multidisciplinare molto interessante. Interessante, tra le altre cose, perché ha tenuto conto anche dell’universo emotivo della mamma, delle sue aspettative, delle sue preoccupazioni.

Ad aprire l’incontro è stata la psicologa Raffaella Conconi che ha fatto quindi luce non solo sul mondo del neonato ma su quello della mamma e delle principali figure di accudimento: per educare i figli dobbiamo in primo luogo rieducare noi stessi, ripensare ai modelli con cui siamo cresciuti e perché no, metterli in discussione, migliorarli, adattarli.

Mettere da parte le sovrastrutture e l’ “ansia da performance”  con cui spesso paragoniamo i nostri bimbi a quelli degli altri e inconsciamente li valutiamo aspettandoci da loro continue “prove” di intelligenza.

Rispedire dal cassetto da cui proviene il sogno del bambino “perfetto”, per sintonizzarsi su quello reale imparando ad ascoltarlo con empatia.

Lasciare il bambino libero di sperimentare, di sbagliare, di inciampare, di rialzarsi e dare a noi stesse la possibilità di costruire il nostro essere mamme in un modo che davvero ci somigli.

Dare al bimbo basi solide che lo sostengano perché sicuro ed entusiasta si appropri delle sue conquiste e le viva con gioia, si appassioni al mondo, alle persone, ai giochi, al cibo.

Seguendo il fil rouge delle tappe evolutive, la parola è poi passata al Pediatra Nutrizionista Piercarlo Salari che ha risposto alle nostre numerose domande e soddisfatto tutte le curiosità sullo svezzamento: quando iniziare? Come capire che il bambino è pronto? Preoccuparsi o no se non mostra molto interesse per il cibo? E tanto altro ancora.

La regola anche qui, sembra banale ma è una sola: non ci sono regole. Anzi forse una c’è: incuriosire il bambino nei confronti del cibo guidandolo alla scoperta di nuovi sapori e consistenze senza pressioni. Creare un contesto sereno che accompagni i pasti, in modo che associ il momento della pappa a una situazione piacevole e stimolante lasciandolo, ancora una volta, libero di esprimersi, di scegliere di sperimentare e di esprimere le proprie preferenze in libertà e in tutta sicurezza.

Ed è proprio in quest’ottica che Mellin ha presentato un’assoluta novità di mercato, “Primi Dentini” per la fase di svezzamento avanzato e che grazie alla presenza dei pezzettini al suo interno, aiuta il bambino a misurarsi con nuove consistenze. Le dimensioni dei pezzettini sono studiate in modo che il prodotto possa essere offerto al piccolo per supportare questa fase della   crescita, garantendo sempre la sicurezza propria degli alimenti per l’infanzia.

Un altro membro della famiglia Mellin è “Primi Passi”, la nuova gamma di Latti di Crescita pensata per bambini dopo l’anno, quando appunto iniziano a camminare e che include quattro prodotti che rispondono alle diverse esigenze di crescita del bambino dopo il primo anno.

Insomma, è stata una bella mattinata di scambio, di scoperte e di conferme.

Portiamo a casa con noi tante informazioni utili, ma il vero motivo di ispirazione è forse proprio lo spirito che ha animato il workshop e filo conduttore della giornata: lasciamo i nostri bambini liberi di esplorare e ricordiamo a noi stessi che essere genitori è un mestiere “creativo” e senza regole.

Lasciamoci sorprendere ogni giorno dai nostri figli e dai loro grandi traguardi. Ognuno li raggiungerà a modo suo. Con una sola certezza: sarà sempre bellissimo.

Valentina Desario

Valentina Desario

Spirito libero, da sempre. Appassionata di sceneggiatura, sociologia e letteratura. Copywriter, redattrice, divoratrice di libri, sognatrice con i piedi per terra. Da qualche mese totalmente stravolta dall’arrivo di un paio di occhi più limpidi dell’acqua.

Lascia un commento