Pannolini biodegradabili Nappynat. Cambiamo il mondo un pannolino per volta!

Sponsorizzato

Benritrovate!
Chi mi legge da qualche tempo  sa che da poco più di un anno sono diventata mamma della mia seconda bimba, Olivia Linda.
Chi mi segue dal 2012, quando ho iniziato a collaborare con Elena, conosce la mia opinione sui pannolini usa e getta, sull’attenzione all’ambiente che cerco di insegnare alle mie figlie, sul mio interesse e curiosità verso tutto quello che, al di fuori delle mode del momento, è eco o bio o quantomeno ci si avvicini molto .
Sono una fiera e convinta utilizzatrice di pannolini lavabili, al limite dell’ossessione. Entusiasta della mia scelta e vado avanti a testa alta stringendo alleanze profonde con lavatrice e stendino, perché si sa che chi usa i lavabili passa le giornate a vedere il cestello girare (#sonoironica)! 🙂

Ma, ma…c’è sempre un ma!

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Succede che a volte ti occorra un aiuto o una pausa dalla routine per capirci qualcosa tra casa, bimbe e lavoro.
Succede che la comodità dell’usa e getta (perché di comodità si tratta) si faccia spazio tra le tue convinzioni.
Succede che ci siano momenti in cui l’attenzione alla cura dei tuoi adorati pannolini lavabili cala un pochino e durante alcune uscite decidi che puoi “mollare il colpo” e portarti qualche usa e getta.

E dunque sono qui per farvi questa confidenza: sì, ho usato dei pannolini usa e getta.

Ma, ma…c’è sempre un ma!

Quando Elena mi ha proposto di testare i pannolini usa e getta biodegradabili Nappynat non ho esitato a rispondere in modo affermativo. Prima di tutto perché sono una grande curiosa e vorrei provare tutte le novità in commercio soprattutto le cose che riguardano la cura delle mie bimbe e poi perché ho visto in questo prodotto un valido compagno e alleato dei miei pannolini lavabili.

In tempi non sospetti avevo già acquistato e provato questi pannolini e li avevo anche portati con me nella valigia dell’ospedale, quindi Olivia è stata una tester dei Nappynat già dalla nascita. Ricordate questa foto?

Pannolini Biodegradabili Olivia

I motivi che mi hanno spinto ad acquistare prima e successivamente ad accettare la collaborazione con questa azienda sono molteplici e d ovviamente tutti legati al rispetto dell’ambiente e all’attenzione alla salute presente e futura della mia bambina. Li ho trovati una validissima alternativa/momentanea sostituzione ai lavabili ma anche il pannolino eticamente ed ecologicamente perfetto per tutti i giorni, sin dalla nascita del nostro bebè.

Le caratteristiche:

  • realizzati con bioplastica compostabile derivata dagli amidi di mais
  • sono ipoallergenici e gli strati filtranti sono in biotessuto
  • NON contengono additivi chimici, creme pre-inserite o paraffine
  • NON contengono ftalati e antibatterici

Da non sottovalutare anche il fatto che sono 100% Made in Italy, certificati VeganOk e Allergy Certified.

Processed with VSCO

Insomma, non ho dubbi sulla validità di questi pannolini biodegradabili, sulla loro efficacia ed affidabilità e mi sento di consigliarveli.
Mi piacerebbe farvi riflettere sull’impatto che i pannolini dei nostri figli hanno sull’ambiente e chiedervi di prenderli in considerazione anche per uso sporadico che darà sicuramente respiro al nostro amato pianeta che non merita di essere lasciato in pessime condizioni ai nostri figli!

Per rimanere aggiornate su tutte le novità ed offerte del mondo Nappynat Italia seguite la loro pagina Facebook e il sito:

Alla prossima!

Francesca Calori

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!