Il neonato in estate: idratazione, poppate, creme, vestiario e temperatura.

I bambini nascono e trascorrono una parte della loro vita anche in estate e di solito si scateno sempre mille preoccupazioni, domande e dubbi da parte dei genitori. In fondo è una stagione come un’altra senza che si debba per forza andare incontro a dei problemi legati al caldo in quanto basta seguire delle semplici regole.

19904393_s

La SIN, cioè la Società Italiana di Neonatologia, ha messo giù delle regole che mettono in sicurezza i neonati:

Neonato in  estate: il mare

  • Non portate i bimbi nelle ore più calde che sono quelle centrali
  • Non esponeteli direttamente al sole ma proteggete la loro pelle con l’ombra e facendogli sempre indossare un body o una maglietta di tessuto naturale e color chiaro.
  • Coprite e rinfrescate la loro testa utilizzando un cappellino e dell’acqua.
  • Non comprate creme protettive perchè contengono un composto che i neonati sotto l’anno di età non riescono a sintetizzare quindi risultano essere solo dannose ma usate semplicemente l’ombra dell’ombrellone o di una pineta.
  • Cercate di evitare il bagno in piscina o nel mare perchè la temperatura dell’acqua o una eventuale presenza di cloro possono dar fastidio al bambino.

Neonato in estate: la  montagna

Ricordatevi che c’è l’assoluto divieto di portare i bimbi ad altezze elevate come i 2000 metri. Come regolarsi allora? Una quota di 1500 metri è quella ottimale, si raggiunge questa altitudine con delle brevi soste ad un livello intermedio e una volta che si arriva a quota e se si ha intenzione di salire oltre allora basta soggiornare per 1 o 2 giorni e successivamente salire.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

In montagna la temperatura in estate spesso può essere sotto la media che di solito ci si aspetta quindi coprite il bambino nel giusto modo, preferite il marsupio al passeggino in modo che senta il vostro calore e utilizzare sempre un cappellino. e utilizzate gli stessi accorgimenti scritti sopra per il sole.

Al mare, come in montagna o in campagna e città ci sono le zanzare: non applicate dei repellenti sulla loro pelle se i vostri bimbi hanno meno di 6 mesi ma scegliete o dei prodotti naturali come la lavanda e la citronella magari sottoforma di olio essenziale.

Viaggi in auto o in aereo

Fate delle brevi pause durante il tragitto così da togliere il bambino dall’ovetto o dal seggiolone. Non partite nelle ore più calde della giornata e se il viaggio è in aereo ricordatevi di far succhiare il seno, il ciuccio o un dito durante il decollo e l’atterraggio e portatevi una copertina per l’aria condizionata che di solito è accesa.

L’aria condizionata

Per quanto riguarda l’aria condizionata questa se accesa in casa, non deve essere talmente forte che dall’interno all’esterno ci sia una differenza maggiore di 5 gradi e durante la notte dovrebbe restare spenta o messa al minimo.

Va data acqua al bambino?

In estate con il caldo i genitori dei bimbi che allattano ancora al seno si domandano e ci domandano spesso se è il caso di somministrare un po’ di acqua. Se il bambino è allattato a richiesta questo è libero di dissetarsi o alimentarsi quando desidera offrendogli semplicemente il seno quando lo richiede o quando pensiamo che sia necessario.

La prima parte del latte infatti è molto liquida e soddisfa a pieno le esigenze del neonato o del bambino.

Per quanto riguarda i bambini grandi non date liquidi come succhi di frutta, tisane o camomille in quanto contengono zuccheri aggiunti e questi fanno solo aumentare la loro sete. Piuttosto deve essere la mamma ad assumere centrifugati, frullati o bevande naturali dissetanti.

La poppata e il  caldo

Una buona strategia per non soffrire il caldo durante la poppata è quella di allattare il neonato da sdraiate così da non avere il bambino addosso.
Se il bambino durante la poppata suda regolatevi nel vestirlo. Scegliete sempre sia per voi che per lui dei tessuti naturali, traspiranti come il cotone e il lino e mettete tra voi e il bambino un telo o un asciugamano.

La protezione degli occhi?

Un’altra domanda che i genitori mi fanno è quello sulla protezione degli occhi dai raggi solari. Anche qui basta seguire delle semplici regole:

  1. Non esporre il bambino alla luce del sole se ha una congiuntivite.
  2. Potete far indossare al bambino degli occhiali da sole a patto che siano a norma e che abbiano il fattore di protezione dai raggi UV
  3. Potete detergere i suoi occhi, che con il caldo e il vento possono diventare secchi, con della fisiologica, con il vostro latte o la camomilla.

Buona Estate

Dott.ssa Ostetrica Sara Notarantonio



Lascia un commento