Bambini e allergie alimentari: consigli e ricette per cucinare in tranquillità

Anche se le allergie e le intolleranze alimentari sono un problema e vanno sapute gestire, noi genitori di bambini allergici o con celiachia, impariamo molto presto che la cucina è la nostra migliore alleata.
All’inizio la cosa spaventa, lo so. Non solo ci si ritrova ad aver paura di sbagliare qualcosa, ma chi prima snobbava volentieri mestoli e fornelli, si ritrova di punto in bianco ad imparare cose nuove ed a dover cucinare personalmente tutto, dalla colazione alla cena, dagli spuntini ai dolci, dalle merende alle torte di compleanno.

Cucinare per i bambini allergici: consigli e ricette

Imparare a gestire al meglio la nuova situazione è possibile e non dobbiamo scoraggiarci. Io ci sono passata un po’ di anni fa quando diagnosticarono la celiachia a mia figlia e per questo mi sento di condividere alcuni suggerimenti che mi sono stati utili fino ad ora.

Informarsi bene

Una volta saputo con esattezza a cosa il bambino è allergico (tipo latte, uova, pomodoro, fragole, pesce, crostacei, grano, arachidi, soia, frutta secca a guscio, glutine, nichel…), occorre affidarsi ai consigli del medico. A lui occorre fare tutte le domande di cui abbiamo bisogno per capire bene quali sono gli allergeni da evitare in cucina e quali i comportamenti tenere per evitare pericoli.

Ciao, posso accompagnarti nei primi mesi del tuo piccolo?
Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. Elena.
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.


Capiterà anche di cercare informazioni su internet. Direi che è una cosa molto utile, ma occorre sempre verificare le fonti e in caso di dubbi driiin, chiamare il medico per chiedere conferme.
Sono sicuramente di aiuto anche i consigli di altri genitori che prima di noi si sono trovati ad affrontare questo problema (si possono trovare tra i nostri stessi amici o anche nei forum on line). A loro possiamo chiedere consigli su come gestire bene la cucina e quali sistemi adottare per non fare errori durante la preparazione dei cibi (dura all’inizio, poi diventa una cosa naturale).

Imparare ad organizzarsi

Essere organizzati in cucina non è facile ma aiuta tantissimo. Una cucina ben organizzata infatti aiuta ad evitare pericolosi errori e previene la contaminazione incrociata con altri alimenti, fa risparmiare tempo quando si cerca qualcosa e stimola tutti i componenti della famiglia, anche i piccoli, a mantenere l’ordine e a rispettare i bisogni del fratellino o della sorellina allergici.


Per questo può essere utile:

  1. riporre gli alimenti e gli utensili privi di allergeni in un posto dedicato aiuta nell’organizzazione ed evita la confusione in cucina;
  2. mettere gli alimenti con allergeni lontano dalla portata dei bambini (o meglio ancora evitare di comprarli) evita le tentazioni o gli errori involontari;
  3. riporre gli elettrodomestici e gli utensili dedicati in cucina e a portata di mano fa risparmiare tempo;
  4. etichettare tutto quello che si prepara e si conserva in casa previene l’ingestione accidentale di cibo e mantiene organizzata la dispensa;
  5. mantenere la cucina pulita e in ordine è una buona abitudine che fa risparmiare tempo ed evita contaminazioni ;
  6. preparare e congelare cibi in anticipo fa risparmiare tempo quando non ne abbiamo ed è utile per avere cibo pronto per le uscite fuori casa.

Cercare ricette buone e sicure

Aver scoperto che il nostro bambino ha una allergia o un’intolleranza alimentare non vuol dire che insieme all’allergene debba sparire dalla cucina anche la fantasia. Anzi, è proprio questa esigenza che deve spingerci a cercare nuove soluzioni e nuove ricette per cucinare piatti appetitosi per i nostri piccoli. È solo questione di trovare ricette buone e sicure e di aver voglia di sperimentare.
Su internet per esempio è facile trovare tantissime ricette per bambini allergici. Basterà raccoglierle in una cartella dedicata per averle poi a portata di clic ogni volta che ne avremo bisogno.

Le prime ricette da cercare su internet o sui libri, sono quelle che insegnano le sostituzioni degli alimenti che il bambino non può mangiare. Per esempio se il nostro bambino è allergico alle uova o al latte oppure al glutine, non vuol dire che non potrà più mangiare piatti che si preparano con questi ingredienti, ma che semplicemente occorre sapere con cosa si possono validamente sostituire.
Qualche tempo fa, proprio qui su Periodo Fertile, mi sono occupata proprio di questo e qualche utile consiglio di come sostituire uova, latte e glutine, potete trovarlo qui:

  1. Sostituire le uova nelle ricette
  2. Come sostituire il latte nelle ricette 
  3. Sostituire la farina/glutine nelle ricette

Consultare libri di ricette e consigli per bambini allergici/intolleranti

Una volta compreso cosa tenere lontano e cosa invece può essere tranquillamente incluso nella dieta del nostro piccolo, un’altra cosa utile da fare per cucinare in tranquillità, è acquistare uno o più libri sull’allergia che ci riguarda.
I libri di cucina per allergie alimentari offrono ricette gustose per tutta la famiglia, corredate da spiegazioni e foto da seguire passo passo. Potranno esserci utili ogni volta che vogliamo preparare qualcosa di speciale insieme ai nostri piccoli. Coinvolgendoli nella preparazione dei loro pasti, li aiuteremo a comprendere meglio le loro esigenze e creeremo un momento magico per stare insieme a tutta la famiglia.

Qui di seguito alcuni libri sul tema, ma se cercate potete trovarne molti altri.

  1. Il menù del bambino allergico. Prodotti, ricette e consigli per gestire l’allergia alimentare
  2. Il mio bambino è allergico. Gli alimenti e le ricette più sicure
  3. Bambini allergici: L’incontro tra un allergologo e una mamma
  4. la gestione del bambino con allergia alimentare

Come avrete capito affrontare l’allergia o la celiachia del proprio bambino non è una condanna ma una sfida che la vita ci presenta davanti. Come affrontarla è semplicemente una questione di prospettiva.



Doria Vannozzi

Mi chiamo Doria e sono appassionata di web, comunicazione e creatività. Amo tantissimo fare lavori manuali, probabilmente ce l’ho nel dna.
La stanza in cui lavoro è piena di libri, stoffe, gomitoli e cassette degli arnesi…praticamente una via di mezzo tra una biblioteca, una sartoria e un’officina.

Lascia un commento