Come prevenire la trasmissioni di virus e batteri quando in casa c’è un neonato?

L’autunno e l’inverno sono i periodi  dell’anno in cui  è più frequente la trasmissione delle infezioni. Non si tratta solo dell’influenza stagionale ma di tante malattie, virali o batteriche, che non vanno sottovalutate e per le quali esistono delle misure da adottare per cercare  di prevenirle.

Un neonato alla nascita non è dotato di un sistema immunitario maturo e pronto per fronteggiare l’attacco di virus e batteri che vivono nell’ambiente intorno a lui. Durante la gravidanza, attraverso la placenta  arrivano al bambino, soprattutto nelle ultime settimane di gravidanza, gli anticorpi della madre.

Si tratta di anticorpi  che la madre ha sviluppato nel corso della sua vita per essersi vaccinata o aver avuto e superato determinate malattie (varicella, morbillo, pertosse ecc.).

Il bambino pertanto nasce con un bagaglio anticorpale identico a quello della madre, bagaglio però che va progressivamente a scomparire entro i primi 6-8 mesi di vita dimezzandosi a partire dalla nascita, ogni 30 giorni circa.

Il latte materno, oltre a fornire al bambino i principi nutritivi necessari per la sua crescita contiene immunoglobuline di tipo A (IgA).  Si tratta di anticorpi che difendono il bambino solo da alcune infezioni locali.

Per tutti questi motivi è importante che la madre si vaccini per malattie come rosolia,  varicella, morbillo (prima della gravidanza) pertosse (durante la gravidanza),  in modo da proteggere il bambino da queste infezioni fino a che non sarà arrivato il momento per la vaccinazione anche per lui.

Per altre patologie invece è necessario adottare norme igieniche di base per ridurre rischi di contagio.

Precauzioni da prendere in casa per la prevenire la trasmissione delle infezioni

La maggior parte delle patologie virali o batteriche si trasmette attraverso la saliva, il respiro e le mani.

Il lavaggio delle mani va fatto accuratamente e frequentemente e richiesto a chiunque voglia prendere  in braccio il neonato, che sia la nonna, il nonno, il fratellino, la sorellina o gli zii.

Ciao, posso accompagnarti nei primi mesi del tuo piccolo?
Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. Elena.
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Non servono saponi battericidi, basta un normale sapone, ma il lavaggio va fatto  con i tempi giusti. Provate a contare 60 secondi mentre vi lavate le mani, è un tempo lungo ma necessario per lavare via tutto ciò che è presente (sulla superficie della pelle delle mani c’è davvero di tutto…)

Ecco come fare per lavarsi correttamente le mani:

come lavarsi le mani

Se qualcuno in casa ha la tosse, il raffreddore o l’influenza, se va a contatto con il neonato dovrebbe usare le mascherine sterili  per evitare la trasmissione dei patogeni.

Insegnate ai fratellini di starnutire lontano dal bambino, riparandosi  con un fazzoletto usa e getta che va subito buttato via, e  di lavarsi successivamente le mani.

Evitate che i  fratellini più piccoli scambino il ciuccio, alitino, sbavino o  diano bacetti sul viso. Insegnate ai bambini che si può voler bene al bambino appena nato senza necessariamente baciarlo in continuazione.

Chi viene in contatto con un neonato dovrebbe stare bene e d essere immune dalle patologie più pericolose (morbillo, pertosse, rosolia, parotite, varicella…)  o perchè vaccinato o perchè ha già avuto la malattia.

prevenzione infezione neonato

Precauzioni durante  l’allattamento

Se allattate al seno pulite i capezzoli con un a garzina e acqua sterile prima di attaccarlo.

Se il bambino è allattato in modo artificiale, è importante sterilizzare accuratamente biberon e tettarelle (con appositi sistemi o facendoli bollire in acqua per 15 minuti).

Precauzioni in caso di animali domestici

Se avete animali in casa come cani e gatti, ricordatevi di tenerli puliti  e di pulire frequentemente la lettiera. Vaccinateli e preparateli all’ingresso del nuovo arrivato in casa.

Fonti e approfondimenti:  

SIPPS, Il bambino nella sua famiglia, manuale pratico per i genitori.

Robeto Burioni, Il vaccino non è un’opinione

Linee guida Organizzazione Mondiale della Sanità:  www.who.int