Baby Monitor Philips Avent SCD620

Sponsorizzato

La tecnologia accompagna oramai tutta la nostra quotidianità. I bambini nascono nell’era del digitale e fin da piccoli vengono a contatto con ogni sorta di dispositivo elettronico.

Alcuni di questi si sono così perfezionati negli ultimi anni tanto da diventare un valido aiuto per i neo genitori.

In particolare sono entrati nell’uso comune delle famiglie i Baby Monitor, sistemi di video sorveglianza del bambino che permettono di tenerlo sempre sott’occhio anche quando il bebè dorme in un’altra stanza.

I pediatri consigliano di tenere il piccolo in camera con i genitori fino ad almeno 6 mesi di età, periodo in cui il rischio di SIDS è maggiore. Ritengono inoltre preferibile che il bambino dorma nella stessa stanza di mamma e papà fino all’anno di età.

Quando ciò non è possibile e durante i sonnellini del bimbo durante la giornata, riposini che nei primi mesi sono molto frequenti, abbiamo la possibilità di usufruire di un “terzo occhio”, quello dei sistemi di monitoraggio dei bebè. La tecnologia di base è quella dei classici sistemi di videosorveglianza degli ambienti, ma adattati all’ambito dell’infanzia.

Imperdibile per le neomamme
Mese per mese i consigli migliori per te ed il tuo bambino.
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

In commercio se ne trovano tantissimi con caratteristiche molto diverse tra loro e più o meno efficienti.

Tra questi si distingue il Baby Monitor Philips Avent SCD620 che consente un attento e sicuro controllo del bambino a distanza.

Caratteristiche

Philips Avent SCD620 è dotato del sistema di trasmissione dati A-FHSS (Frequencing Hopping Spread Spectrum). Ciò significa che il collegamento tra il display e la telecamera è meno sensibile alle interferenze e meno intercettabile per rendere costante e riservato il monitoraggio del bambino.

Esteticamente è molto carino, il display LCD a colori e ad alta risoluzione da 2.7 pollici ci regala una immagine molto definita e nitida anche nella modalità notturna che si attiva automaticamente in base alla quantità di luce. I suoni sono amplificati per poter sentire con chiarezza anche il più piccolo rumore emesso dal bambino.

La ricezione dipende se siete all’interno o all’esterno dell’abitazione. All’interno ha una portata di circa 50 metri (che però può variare in base alla tipologia della casa e alle interferenze presenti) mentre all’esterno arriva fino a 300 metri.

Se per qualche motivo entriamo in una zona fuori campo, il sistema ci avvisa tramite l’indicatore apposito. Le notifiche sono presenti anche quando la batteria sta per scaricarsi. Infatti il Monitor oltre a funzionare con i classici cavi, funziona anche a batterie che hanno una autonomia di circa 10 ore permettendoci di muoverci in libertà.

Per evitare uno spreco di corrente il Baby Monitor Philips Avent SCD620 può esser usato anche nella modalità ECOMODE. In questo modo le trasmissioni audio/video vengono disattivate e riattivate non appena il bambino si muove o emette un suono.

Il Monitor permette anche di comunicare con il bambino da qualsiasi punto della casa (ovviamente entro la portata massima). Se si sveglia e si mette subito a piangere, mentre andate nella sua stanza potete parlargli per rassicurarlo.

La telecamera ha anche una modalità musicale. Da qualsiasi parte della casa è possibile attivare la funzione Ninna Nanne. Sono 5 diverse melodie rilassanti che aiutano a conciliare il sonno del bambino.

Il prezzo?

Il prezzo varia molto tra i vari rivenditori. Se cercate bene potete portarvelo a casa scontato fino a 140 euro circa.

Lascia un commento

 Avvisami per ogni commento a questo articolo

 Avvisami delle risposte a questo commento

Se vuoi, aggiungi una foto al tuo commento, verrà elaborata in qualche minuto.