I VERO O FALSO SUL CIUCCIO

Il succhietto è un oggetto tanto amato e spesso discusso, attorno al quale purtroppo circolano  ancora oggi tanti falsi miti. Cerchiamo di fare chiarezza.

1. Il ciuccio deve essere proposto  ad allattamento ben avviato

VERO

E’ importante proporre il succhietto ad allattamento naturale ben avviato, non prima. Questo per evitare che il neonato si stanchi troppo e non riesca  a stimolare adeguatamente la produzione di latte. Una volta ben avviato l’allattamento al seno si può cominciare a proporre il succhietto, l’importante è farlo in momenti di tranquillità del piccolo, magari poco prima di dormire. Inizialmente è meglio non scegliere i momenti di stress perché potrebbe  rifiutarlo.

2. ll succhietto è solo un vizio

FALSO

Succhiare per il neonato   non è un vizio ma è una necessità: non è solo funzionale alla nutrizione, ma gli assicura tranquillità e sicurezza.  La suzione infatti stimola la produzione di serotonina, sostanza determinante nella regolazione dell’umore e del sonno e capace di indurre uno stato di calma e serenità. Per questo succhiare conforta il bambino e lo aiuta a rilassarsi, a normalizzare il ritmo cardiaco e a mantenere costante la respirazione durante il sonno. Per questo è detto, pacifier (pacificatore).

3. I succhietti sono tutti uguali

FALSO

Bisogna prestare molta attenzione alla sua forma: è quella a fare la differenza. Deve essere pensata tenendo conto della posizione e del ruolo che la lingua svolge all’interno della bocca: quindi meglio una forma inclinata verso l’alto per posizionare correttamente la lingua in alto e in avanti e fornire così gli stimoli giusti per la formazione di bocca e palato. Una forma così disegnata stimola la muscolatura orale e promuove la corretta funzionalità della lingua e della bocca, creando le premesse per una corretta respirazione fisiologica, fondamentale per lo sviluppo del bambino e il suo benessere generale.

4. L’uso del succhietto durante il sonno è raccomandato dai pediatri

VERO

L’American Academy of Pediatrics raccomanda l’utilizzo del succhietto durante il sonno  per ridurre il rischio di SIDS nel primo anno di vita, naturalmente dopo che l’allattamento al seno sia ben avviato.

5. Per calmare il bambino il succhietto può essere intinto nel miele

FALSO

Si tratta di una vecchia e cattiva abitudine. Il succhietto non deve assolutamente essere dato con miele o zucchero per non aumentare il rischio di carie nei dentini da latte.

6. Se il succhietto cade a terra si può pulire mettendolo in bocca prima di darlo al bambino

FALSO

Questa abitudine  trasmette al bambino i batteri presenti nella bocca del genitore e può causare la carie. Se il succhietto cade a terra  va offerto al bambino solo dopo essere stato lavato e sterilizzato. E’ consigliabile quindi portare con se un succhietto di scorta.

7. Luso del succhietto va interrotto entro i 3 anni

VERO

L’ uso prolungato del succhietto può causare malocclusioni, pertanto il Ministero della salute consiglia di cominciare a ridurne l’utilizzo dai 2 anni per interromperlo completamente entro i 3 anni.

E’ consigliabile abbandonare il ciuccio con gradualità, inizialmente riducendone l’uso solo al momento della nanna ed  evitandolo durante i momenti di gioco e di interazione con gli altri. E’ preferibile scegliere un momento di tranquillità, evitando l’arrivo di un fratellino o il rientro al lavoro o l’inizio della scuola  .