FattoreMamma Network

Pancioni
Oggi è nato
Auguri a...
Voi
Camerette


Come concepire una femmina? Forse lo stress aiuta!

Piacerebbe a molti genitori avere la bacchetta magica per decidere di far nascere un maschio oppure una femmina. Al momento non ci sono metodi naturali che permettono di concepire con sicurezza un bimbo di un sesso o dell’altro però studi recenti hanno messo in luce un aspetto interessante.

Sembra infatti che lo stress abbia un ruolo nel favorire il concepimento di una femminuccia. Durante la conferenza dell’American society of reproductive medicine  di Orlando, in Florida,  è stato presentato uno studio condotto dall”Università Oxford che ritiene lo stress responsabile della nascita di figlie femmine.

Lo studio è stato condotto su 338 donne britanniche che ricercavano una gravidanza ed è stato monitorato il  loro stile di vita e lo stress a cui erano sottoposte. E’ stato chiesto loro di tenere un diario e son stati monitorati i livelli ormonali  del cortisolo e l’alfa amilasi, ormoni generalmente correlati a situazioni di stress.

Lo studio è durato 6 mesi e durante questo intervallo di tempo 130 donne sono rimaste incinte. Tra queste si è notato che le probabilità di avere un maschio erano più basse del 75% tra le donne con alti livelli di cortisolo. I livello di alfa amilasi invece non avevano  correlazioni particolari con il sesso del nascituro.

Lo studio ha portato come esempio anche delle situazioni particolari. Dopo l’attentato al World trade Center del 2001 infatti, sono nate molte più bambine che maschi rispetto alle normali statistiche.

Lo studio chiaramente ha bisogno di un ulteriore approfondimento prendendo in considerazione un maggior numero di donne per poter confermare questa ipotesi iniziale che traspare dai primi dati.

Stessa cosa vale anche per un altro studio del 2008 che aveva messo in evidenza che  la quantità di calorie  assunte dalla mamma nei giorni del concepimento  potevano influenzare la nascita di un maschio o di una femmina.  Secondo lo studio un alto apporto calorico e soprattutto chi mangiava cereali a colazione avevano più probabilità di dare alla luce un maschietto.

Difficile dire se questo studi abbiano o meno un fondamento di verità. Sicuramente ci sono tanti fattori ambientali e fisici che influiscono sul concepimento. Ha ragione il professor Allan Pacey, dell’Università di Sheffield  che afferma che non c’è attualmente alcun metodo sicuro per influenzare la nascita di un bambino o di una bambina. Nel mondo infatti nonostante tutti i cambiamenti che si sono succeduti in migliaia e migliaia di anni il rapporto maschio-femmina è bene o male rimasto costante.

Citando le sue parole: “Cambiare degli aspetti della propria vita nel tentativo di far pendere l’ago della bilancia da una parte piuttosto che dall’altra non ha molto senso. Le coppie dovrebbero vivere la curiosità per il sesso del proprio bambino come la più bella e imprevedibile delle sorprese“.

Fontre: repubblica.it

Ti potrebbero interessare anche:

Chi è alla ricerca di un bambino che puntualmente non arriva, è spesso bersaglio di amici e parenti...
Avere un figlio maschio o una figlia femmina dipende da tantissimi fattori diversi. Può influire l'alimentazione,...
Sullo stress legato alla difficoltà di rimanere incinta sono stati svolti diversi studi e dagli esiti...
Spesso siamo portati a sottovalutare i sentimenti dei futuri papà durante la gravidanza. Sbagliatissimo....
Nonostante il papà non affronti in prima persona la gravidanza, non portando il bambino in grembo,...



Non potendo leggere tutti i commenti, se hai bisogno di un consiglio (che non sia lettura analisi o consulenza su farmaci), puoi scrivermi a elena@periodofertile.it.

Nessun commento