FattoreMamma Network
Fertilità

Bere latte potrebbe aiutare a prevenire la menopausa precoce

Un nuovo studio suggerisce che il latte potrebbe aiutare le donne a prevenire la menopausa precoce.

Mentre si sa con certezza che  il calcio è importante per la salute delle ossa e per  alcune funzioni corporee come le contrazioni muscolari e la coagulazione del sangue, prima di questo studio non era mai stato ipotizzato un legame tra il latte è la fertilità.

Lo studio si basa su numeri importanti: 30 anni di raccolta dati su 120 000 donne che sono state reclutate nel progetto quando avevano tra i 25 e i 49 anni. I risultati ottenuti dimostrerebbero che che le donne con la più alta assunzione di calcio nelle loro diete avrebbero il 13%  in meno di probabilità di andare incontro alla menopausa prima dei 45 anni rispetto alle donne che ne assumono meno.

La stessa ricerca condotta dall’ University of Massachusetts Amherst School of Public Health and Health Sciences e dall’ Harvard University  ha anche scoperto che alti livelli di vitamina D nella dieta hanno ridotto  la possibilità di una menopausa precoce del 17 per cento.

Il latte è la migliore fonte di calcio, ma  questo principio nutritivo è abbondante anche nelle verdure come il cavolo e il broccolo e nei  pesci grassi come le sardine. Le fonti dietetiche di vitamina D comprendono pesci grassi quali tonno, sgombro e salmone, formaggi e tuorli d’uovo. Ovviamente è importante anche l’esposizione al sole.

La menopausa precoce colpisce circa il 10 per cento delle donne ed è associata ad un più elevato rischio di malattie cardiovascolari, osteoporosi e problemi cognitivi precoci.

Le donne nello studio con l’assunzione più elevata di calcio e di vitamina D bevevano ogni giorno circa mezzo litro di latte arricchito di principi nutritivi.

I ricercatori si sono chiesti: l’assunzione elevata di vitamina D e di  calcio dagli alimenti può essere vista come un indice di una migliore alimentazione e salute generale, cosa che potrebbe influire sulla fertilità?
Per rispondere a questa domanda hanno preso in considerazione altri fattori, come l’assunzione di proteine ​​vegetali, di alcol, l’indice di massa corporea e il fumo.

Il numero considerevole di dati a disposizione ha consentito agli autori dello studio di considerare una varietà di potenziali cause che potevano spiegare i risultati ottenuti, tuttavia, l’analisi degli altri fattori non ha dimostrato differenze statistiche rilevanti, cosa che invece è accaduta per il calcio e la vitamina D.

Le carenze di calcio e vitamina D sono state precedentemente correlate anche alla sindrome dell’ovaio policistico, all’endometriosi e alla sindrome premestruale.

Quindi l’aumento nell’assunzione di questi principi nutritivi potrebbe in generale aumentare la fertilità anche in presenza di queste problematiche.

La ricerca è stata pubblicata nell’American Journal of Clinical Nutrition.

Fonte

Alexandra C Purdue-Smithe, Brian W Whitcomb, Kathleen L Szegda, Maegan E Boutot, JoAnn E Manson, Susan E Hankinson, Bernard A Rosner, Lisa M Troy, Karin B Michels, and Elizabeth R Bertone-Johnson
Vitamin D and calcium intake and risk of early menopause
Am J Clin Nutr ajcn145607; First published online May 10, 2017. doi:10.3945/ajcn.116.145607

Tutto su alimentazione e fertilita

Entra nella grande community di Periodo Fertile

Partecipa anche tu al forum, iscriviti in pochi secondi!

Vai alla registrazione Registrazione istantanea con Facebook

Lascia un commento

:bye: 
:good: 
:negative: 
:scratch: 
:wacko: 
:yahoo: 
B-) 
:heart: 
:rose: 
:-) 
:whistle: 
:yes: 
:cry: 
:mail: 
:-( 
:unsure: 
;-) 
 

 Avvisami per ogni commento a questo articolo

 Avvisami delle risposte a questo commento

Se vuoi, aggiungi una foto al tuo commento, verrà elaborata in qualche minuto.