FattoreMamma Network
0-12 mesi

Il cordone ombelicale: tutto ciò che c’è da sapere

Il cordone ombelicale crea una magica unione tra il bambino e la placenta e tra mamma e bambino.

Alla nascita ci sono varie possibilità di gestione del cordone:

  • viene reciso dopo alcuni minuti scegliendo di donare o conservare per se il sangue contenuto al suo interno
  • si aspettano le due ore del post-partum, tempo in cui la madre e il bambino restano ancora in sala parto prima di andare in reparto (si parla di taglio ritardato del cordone )
  • non lo si recide e si aspetta che questo si secchi da solo e in genere dopo 4/5 giorni si stacca da solo. (mini lotus o lotus completo).

Informatevi su quali siano le pratiche dell’ospedale che avete scelto dove partorire.

Ricordatevi che il cordone, smette di pulsare dopo un tempo diverso per ogni bambino in quanto ogni bambino è in grado di respirare e ricevere ossigeno dai suoi polmoni con tempi non uguali.

Clampare bruscamente il cordone a pochissimi minuti dalla nascita vuol dire rendere il suo primo respiro non piacevole perchè l’aria che entra nei polmoni crea bruciore e il suo pianto è giustificato.

Non recidere subito il cordone ombelicale vuoi dire dare un maggiore apporto di:

  • sangue
  • ossigeno
  • nutrimento
  • gentilezza

Le paure che riguardano il cordone ombelicale

Al momento della nascita una delle paure più grandi dei genitori, è che il cordone, che ha nutrito il bambino ed è stato ciucciato durante tutta la gravidanza, possa diventare pericoloso girandosi intorno al suo collo, portando conseguenze drammatiche.

Sappiate che moltissimi bambini nascono con dei giri di cordone, che le ostetriche chiamano “collane”. Non succede nulla perchè questo ha una sostanza gelatinosa che lo ricopre che lo rende morbido e scivoloso e lo rende spesso immune alle compressioni.
Il cordone può fare più giri intorno al collo, al corpo o al piede del vostro bambino.

In uno studio si è visto che media  i giri intorno al collo sono da 1 a 4 nel 2,5-8,3%dei parti.

Lo 0,1%  dei nati ha più di 4 giri in torno al collo e il record è di 9 giri.

Pratici consigli per le neomamme
Seguendo la crescita del tuo bambino, una email a settimana con pratici consigli dai nostri esperti per tutto il primo anno e oltre.
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile. Accetto il trattamento dati di Envie de Fraise.

Quanto è lungo il cordone ombelicale?

Una seconda paura è che il cordone non permetta al bambino di scendere nel canale del parto e quindi nascere perchè troppo corto.

In media un cordone è lungo sui 60 cm quindi è abbastanza lungo per far nascere il vostro bambino.

Una volta nato il vostro bambino e scelto di recidere il cordone subito o dopo alcune ore, bisogna tenere il cordone asciutto, pulito per evitare eventuali infezioni.

Questo perchè, recidendo il cordone, si crea una lesione e quindi si mette a contatto con l’esterno un tessuto “aperto”. In ospedale, o a casa, l’ostetrica che vi ha assistito al parto vi darà le indicazioni su cosa fare.

La medicazione del cordone ombelicale

Il moncone ombelicale va medicato almeno una volta al giorno o ad ogni cambio del pannolino se la garzina si bagna.

Procuratevi delle garzine, una retina elastica e l’arnica echinacea.

Dopo aver cambiato il pannolino, con le mani pulite e asciutte, pulite il moncone e il contorno con l’ombelico con una garzina sterile imbevuta di acqua tiepida. Asciugate tamponando e spolverizzate sopra dell’arnica echinacea. Avvolgete la garzina intorno al moncone e tenete il tutto con la retina.

Si consiglia  di tagliare il pannolino a mezza luna in corrispondenza del moncone così da non far strofinare il tessuto con questo e permettere alla cute di respirare e di creare la mummificazione. I pannolini usa e getta non sono traspiranti.

L’ideale sarebbe utilizzare i pannolini lavabili.

Quando si stacca il cordone ombelicale?

Il cordone, cade abbastanza presto, soprattutto quello non reciso. Una volta che assume un colore bruno-nerastro, cade al massimo a 10 giorni dalla nascita.

Dopo la caduta potete continuare a pulire l’ombelico con semplice acqua fino a quando nessuna crosticina sarà rimasta. Il bagnetto del vostro bambino può essere fatto anche prima che questo cada, basti pensare che in ospedale, il vostro bambino, se lo desiderate, viene già lavato quindi non esistono motivazioni per non farlo anche nei giorni successivi.

Scegliete di lavarlo con acqua tiepida soltanto o aggiungendo amido di riso/mais. Non utilizzate sapone, olio per massaggi o acqua ossigenata perchè potrebbe bruciare.

Se la zona si arrossa, o vedi del pus, contatta la tua ostetrica o il pediatra.

Lascia un commento

:bye: 
:good: 
:negative: 
:scratch: 
:wacko: 
:yahoo: 
B-) 
:heart: 
:rose: 
:-) 
:whistle: 
:yes: 
:cry: 
:mail: 
:-( 
:unsure: 
;-) 
 

 Avvisami per ogni commento a questo articolo

 Avvisami delle risposte a questo commento

Se vuoi, aggiungi una foto al tuo commento, verrà elaborata in qualche minuto.